Piatto doccia: Qualche consiglio!

A meno che non si debba rifare un bagno in economia, ormai la tendenza è quella di prediligere alla ceramica, i piatti doccia in resina e minerali.


Grazie a questa nuova miscela di materiali, oltre alle classiche misure come 80×80, 70×90, 90×90, 80×100, 80×120, 80×140 ecc. è possibile avere piatti doccia di dimensioni notevoli, (ad es. 1×2 mt. e a volte anche più), ma oltre le dimensioni, è possibile scegliere il colore e l’effetto, dalla pietra naturale, a quella bocciardata, effetti legno o cemento.

Molte aziende danno la possibilità di realizzare piatti di forme irregolari, come ad es. in presenza di fuori squadro o di pilastri, basterà fornire al vostro rivenditore un disegno dettagliato con tutte le misure. Ma fate attenzione, come sempre vige la regola delle certificazioni, scegliete sempre aziende che le offrano, dalla superficie certificata antiscivolo, alla certificazione antibatterica ecc. poichè si può incappare (per via del prezzo allettante) su dei prodotti dalle dubbie certificazioni.

A prima vista questi piatti sembrerebbero perfettamente planari, ma se guardati più attentamente, si puo’ notare una leggerissima curvatura che fa si che l’acqua venga convogliata verso la griglia di scarico, possono essere installati (quando il solaio lo permette) anche a filo pavimento, installazione spesso adottata in situazioni nelle quali è presente un individuo con difficoltà motorie, poichè la possibilità di sceglierlo di dimensioni generose, semplifica all’assistente, la gestione di quest’ultimo all’interno della doccia.

   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *